Leggere migliora l’empatia

Leggere migliora l'empatia

Secondo uno studio recente condotto alla New School for Social Research di New York leggere migliora l’empatia e potrebbe essere uno degli strumenti migliori per favorire lo sviluppo dell’intelligenza emotiva nei bambini. Facendo anche riferimento a ricerche meno recenti, sembra che la lettura abbia una notevole influenza sullo sviluppo delle abilità empatiche anche dopo molto tempo dalla lettura.

Medici e pazienti, ecco la tuta per migliorare l’empatia

Arriva dal Giappone e la stanno usando in Polonia: ecco la tuta che migliora l’empatia dei medici nei confronti dei pazienti anziani.

 

Due ricercatori statunitensi hanno mostrato come siano i romanzi di finzione quelli più inclini a stimolare l’empatia nel lettore. Immedesimarsi nel personaggio e nelle situazioni descritte nel libro esercitano l’empatia e le abilità comunicative delle persone. I ricordi del libro letto possono divenire coscienti anche dopo molto tempo e in relazione a situazioni differenti.

I bambini che imparano a leggere prima andranno meglio a scuola

Una nuova ricerca rivela che i bambini che imparano a leggere prima, saranno anche più intelligenti

 

L’identificazione con i personaggi di un libro è particolarmente importante per i bambini che in questo modo possono imparare ad esprimere emozioni difficili da gestire o comprendere.

Via | TheGuardian

Leggere migliora l’empatia pubblicato su Scienzaesalute 09 giugno 2017 14:31.

Claudio Giulio Torbinio

Antropologo dilettante, informatico professionista, influencer, blogger, articolista, copywriter e ghostwriter. Di Napoli. Collabora anche per MySalute.biz, Noisiamopronti.it, SocialNews.it e Caffè Mode. Ha due blog personali. Scrive liberi testi per case editrici online. Laureato in Infermieristica, Masterizzato in Analisi Informatica, Infermiere per passione, Analista da sempre. Dirige e crea blog e programmi web-oriented dal 1995. Appassionato di volo, cibo, arte e umanità… È responsabile informatico e autore di SocialNews.it, MySalute.biz, Noisiamopronti.it.